Recensioni

Sunday, 18 October 2020 09:30

Una classe per i ribelli, recensione della commedia di Michel Leclerc con Leila Bekhti e Edouard Baer Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Uscirà questa settimana al cinema Una classe per i ribelli di Michel Leclerc con Leila Bekhti, Edouard Baer: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito la recensione.

La lotta di classe oggi non si combatte più nelle piazze e nelle fabbriche, ma nelle scuole. Quelle pubbliche, naturalmente, vittime dei tagli al bilancio, veri centri multiculturali e eterogenei, nonché luoghi perfetti per far scoppiare le contraddizioni di due idealisti come Sofia e Paul. Lei è un avvocato in carriera di origini magrebine che, insieme al compagno Paul, vecchio batterista di un gruppo punk, decide di lasciare Parigi per trasferirsi in periferia, a Bagnolet, dove aveva trascorso la sua infanzia. I due iscrivono il figlio Corentin alla scuola elementare pubblica, popolare e multiculturale, per offrire al figlio una vera educazione paritaria e democratica. Quando però alcuni dei compagni di Corentin vengono trasferiti dai genitori in una scuola privata, Sofia e Paul si troveranno a scontrarsi con le proprie idee e incoerenze.

“Abbiamo fatto un film per provare a districare dei sentimenti confusi - racconta il regista Michel Leclerc - Per provare a fare qualcosa di corretto, volte è necessario uscire dal realismo, dagli schemi. L’importante è il punto di vista. Il realismo non e una mia preoccupazione, la correttezza sì. In una commedia possiamo sovrapporre vari punti di vista e lasciare che sia lo spettatore a farsi una sua opinione. In più, ho voglia di far divertire le persone, di trasformare la pesantezza in leggerezza”.

Ed è la leggerezza la qualità prima di Una classe per i ribelli (La lutte des classes), una commedia brillante e intelligente che riesce a trattare temi importanti e attuali - come l’integrazione e la religiosità - con levità e ironia. Leclerc è bravo a dettare i tempi del racconto, alternando momenti di puro divertimento (a tratti anche surreale) a altri dove la tenerezza prende per mano l’umorismo. E sono bravi anche gli interpreti: Baer (Pollo alle prugne) a scrollarsi di dosso il ruolo di seduttore classico del cinema francese per indossare i panni stropicciati dell’utopista in perenne lotta col sistema; e Leila Bekhti (7 uomini a mollo), bobo (bourgeois-bohemiens, il radical chic alla francese) suo malgrado. Se proprio volessimo essere pignoli, forse la storia è infarcita di tante, troppe, suggestioni (a quelle elencate precedentemente si possono aggiungere anche la difficoltà di essere genitori e cosa significhi oggi essere di sinistra), ma Leclerc è agile a muoversi e a non rimanerne mai impigliato.

 

 

Read 110 times Last modified on Sunday, 18 October 2020 10:01

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Palm Springs, podcast recensione della brillante commedia opera prima di Max Barbakow con Andy Samberg, Cristin Milioti

E' appena arrivato in streaming la commedia Palm Springs, presentata all'ultima festa del cinema di Roma 2020, opera prima di Max Barbakow con Andy Samberg, Cristin Milioti e J.K. Simmons: Cinetvlandia l'ha vista e vi propone qui di seguito il podcast recensione sul film.

Read More
Real time web analytics, Heat map tracking