Recensioni

Tuesday, 18 July 2017 09:21

Prima di domani, recensione: la ripetizione degli eventi per parlare di bullismo Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Arriva questa settimana al cinema Prima di domani: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito la recensione.

La brillante e divertente commedia fantastica Ricomincio da capo di Harold Ramis con Bill Murray aveva sdoganato negli anni'90 la possibilità di ripetere gli eventi al cinema per raccontare una storia. Dopo questo film ci sono state altre pellicole che hanno riproposto tale schema e anche Prima di domani segue il filone. Tratto dal romanzo omonimo di Lauren Oliver, la pellicola di Ry Russo-Young è un teenager movie dalle tinte drammatiche che racconta la storia di una ragazza che continua a rivivere un incidente stradale nel quale viene coinvolta una sua amica di liceo, Juliet, adolescente derisa da lei e dalle sue compagne per i suoi modi alquanto fuori luogo, molto asociale e disadattata. La giornata che si sviluppa dalla mattina alla sera, fino al tragico epilogo, viene ripetuta diverse volte e Samantha, interpretata da una convincente Zoey Deutch, è consapevole di ciò e cerca di cambiare gli eventi al fine di evitare il finale drammatico. Ogni giorno che rivive, la protagonista è sempre più consapevole di cosa è giusto e sbagliato in quel che le succede e capisce che certi atteggiamenti, soprattutto nel rapporto con gli altri e con i coetanei, sono da evitare per il bene reciproco.

Prima di domani è un film sufficientemente interessante con un chiaro riferimento al fenomeno del bullismo che contraddistingue quella fascia d'età di questi tempi. Forse ogni tanto il modo con cui questo elemento viene proposto e analizzato risulta un po' retorico e didascalico, ma ha il pregio di arrivare al punto e non perdersi nella ripetitività della giornata. Già perchè ogni giorno sembra lo stesso, ma in verità non lo è poiché la protagonista è progressivamente consapevole dei suoi sbagli e di come la vita deve essere affrontata, per il bene suo e per chi le sta intorno, famiglia compresa. la pellicola, nella sua semplicità e linearità, riesce comunque ad essere personale e dotata di un tono drammatico e tragico omogeneo che coerentemente caratterizza i personaggi e le dinamiche dall'inizio alla fine. Nonostante un taglio forse un po' superficiale dei giovani protagonisti, il film si lascia vedere con gusto e si riesce a capire bene il messaggio che il regista vuole comunicare. Ciò è stato reso possibile grazie anche ad un cast di attori non noti credibili in cui identificarsi e lasciarsi andare alla storia e ai loro pensieri. La regia di Ry Russo-Young è alquanto convenzionale e ogni tanto eccede in inquadrature emozionali che rendono il momento un po' retorico.

Nel complesso Prima di domani, in poco più di novanta minuti, riesce a raccontare una storia ripetitiva, per scelta, ma che nel riproporre le stesse scene riesce anche a fornire spunti di riflessione educativi che non lasciano indifferenti e ciò è la cosa più convincente che il film doveva e poteva proporre. Un dramma ripetuto sul bullismo, semplice ma efficace.

Read 1301 times Last modified on Tuesday, 18 July 2017 11:13

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Palm Springs, podcast recensione della brillante commedia opera prima di Max Barbakow con Andy Samberg, Cristin Milioti

E' appena arrivato in streaming la commedia Palm Springs, presentata all'ultima festa del cinema di Roma 2020, opera prima di Max Barbakow con Andy Samberg, Cristin Milioti e J.K. Simmons: Cinetvlandia l'ha vista e vi propone qui di seguito il podcast recensione sul film.

Read More
Real time web analytics, Heat map tracking