Recensioni

Friday, 29 July 2016 09:34

Alla ricerca di Dory, recensione: la pesciolina senza memoria ritrova i genitori e tanti nuovi amici Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Nelle sale italiane dal prossimo 15 settembre Cinetvlandia ha visto in anteprima Alla ricerda di Dory, la nuova avventura marina firmata dalla Pixar 13 anni dopo Alla ricerca di Nemo. Ecco la recensione.

A questo punto bisogna cominciare a convincersi che l'operazione Toy Story 2 fosse la classica eccezione alla regola. Raramente i capitoli successivi a un grande successo mantengono le aspettative, ma la Pixar era riuscita a scardinare anche questo assunto quando nel 1999 realizzò un sequel ancora più bello e avvincente del primo Toy Story del 1995. Poi ne è arrivato anche un terzo, dignitoso ma non ai livelli dei primi due capitoli. L'operazione venne ripetuta anche con Cars ma la seconda avventura rimase ben lontana dal primo straordinario film. Ora, tredici anni dopo Alla ricerca di Nemo, Lasseter e compagni ci riprovano raccontandoci le avventure dei pesci più famosi del cinema ma dal punto di vista di Dori, la pesciolina smemorata che aiuta Marlin a ritrovare il figlio Nemo. Le premesse c'erano tutte: personaggi corposi e ben saldi nella memoria del pubblico anche dopo tanti anni, ambientazione spettacolare perfetta per esaltare i miracoli della grafica e una miscela di humour e tenerezza capace di far sobbalzare i cuori di tutte le età. Il risultato però è così così, Alla ricerca di Dory infatti vorrebbe essere un nuovo film ma finisce per essere solamente una versione accelerata del primo: una nuova avventura dove la preoccupazione principale pare quella di soddisfare più le esigenze del 3D (tante le scene di corse, inseguimenti e capitomboli solo fini a se stesse), che quelle della narrazione pura e semplice. Alla ricerca di Dori non è un buon film perché non ha il cuore del primo, i personaggi sono già formati e non crescono con il succedersi degli eventi, dandoti la sensazione di assistere a un'avventura piacevolmente ritmata ma fondamentalmente inutile. Protagonista della storia è Dori che, ricordandosi all'improvviso di aver perso i propri genitori da piccola, vorrebbe ritornare da loro. La memoria va e viene e ogni tanto le fornisce delle tracce: veniamo a sapere che Dori è nata in un grande parco acquatico della California e che i genitori dovrebbero essere ancora li. Compito della brigata perciò è quello di accompagnare la pesciolina azzurra al parco per ricongiungersi.  Un viaggio dove ci si perde e ci si ritrova più e più volte, dove si conoscono nuovi amici - il polpo che sogna di scappare dal Parco, il beluga con il sonar difettoso e la balenottera miope (oltre due leoni marini che ricordano tanto i cani Napoleone e Lafayette de Gli Aristogatti e che sono la cosa più divertente del film) -  e si scopre perché Dori sa leggere e parlare il balenese. Il tutto tra mille colori e poca magia.

Read 2136 times Last modified on Friday, 29 July 2016 12:57

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Ero una pop star video recensione della commedia drammatica su Netflix
  • Everything Everywhere all at once video recensione del folle multiverse movie a ottobre al cinema

E' uscito in streaming su Netflix la commedia drammatica Ero una pop star diretto da Eddie Sternberg con Ed Skrein, Eoin Macken, Lorraine Ashbourne: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito la video recensione.

Read More

Arriverà al cinema a ottobre il bizzarro film Everything Everywhere all at once diretto dai "The Daniels" con protagonisti Michelle Yeoh, Stephanie Hsu, Jonathan Ke Quan, James Hong, Jamie Lee Curtis: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito la video recensione. 

Read More
Real time web analytics, Heat map tracking